Verona-Lazio: ecco le pagelle dei vincitori

Vittoria sofferta ma meritata quella dei biancocelesti ai danni degli scaligeri per 2 a 1. Lazio che ha ribaltato lo svantaggio iniziale grazie ai gol di Biglia e Parolo. I bianco azzurri hanno dominato ma sofferto, ed anche in dieci sono riuscito ad ottenere un risultato preziosissimo che dà un po’ di continuità alla squadra romana. La nota maggiormente positiva è sicuramente la vittoria fuori casa che non arrivava dalla partita contro il Napoli della scorsa stagione, vinta per 4-2.

Di seguito le pagelle:

Marchetti 6: non può fare niente sul gol, fa un’uscita importante alla fine ma non viene mai messo in difficoltà.

Basta 6,5: sempre fondamentale il suo apporto alla squadra, spinge sempre con continuità sulla propria fascia di cui ne è padrone assoluto. Giocatore indispensabile.

Mauricio 4,5: un problema molto serio per la Lazio è l’assenza di De Vrij, il brasiliano causa il gol dell’uno a zero e non riesce contenere Jankovic che lo salta quasi sempre. Seconda ammonizione inutile che rischiava di rovinare la partita. Al 37′ Hoedt, che manda in angolo un pallone pericoloso.

Leggi anche:   Accadde Oggi: 7 Maggio 2017 Lazio-Sampdoria 7-3 (video)

Gentiletti 5: si impegna e si vede, ma è lento ed impreciso. Anche lui si fa saltare sempre ed è molto impreciso nei passaggi. È vero che quando è arrivato alla Lazio ha fatto una buona partita con il Cesena, ma non si può valutare un giocatore da una sola buona prestazione. Da quando è tornato è sempre andato in difficoltà dimostrando grande cuore ma poca tecnica.

Lulic 7: la migliore prova quest’anno, senza nessun dubbio. Questo è l’unico ruolo che deve intraprendere, bene difensivamente e offensivamente non sbagliando quasi nulla. In un ruolo delicato dove la Lazio non ha sicurezze lui può diventare una garanzia.

Leggi anche:   De Martino : " Stiamo vicini alle persone colpite. La Serie A è necessario concluderla"

Parolo 7: altro tassello fondamentale, con Biglia aumenta il suo valore giocando di più il pallone. Gol meraviglioso che premia il suo impegno straordinario. Un guerriero che non conosce riposo.

index8
Biglia 7
: serviva come il pane, oggi ha fatto vedere quanto sia indispensabile con un gol e un assist non banale, perché tutti si aspettavano una conclusione. Ci si poteva aspettare una gara leggermente sotto tono visto che veniva da un infortunio, invece è tornato il solito fenomeno.

Kishna 6: non era la partita adatta per lui, ma mette palloni molto interessanti nel primo tempo. Poi viene sostituito perché serviva più dinamismo.

Milinkovic-Savic 6,5: sempre presente nel centrocampo, va vedere dei numeri eccellenti e tanta personalità. Se poi si considera che ha solo 20 anni non si può che riempire di complimenti questo futuro campione.

Anderson 6: bene il brasiliano anche se un po’ troppo lezioso. Fa cose straordinarie ma poi non riesce a finalizzare. Gara sufficiente comunque.

Leggi anche:   Serie A: novità sulla ripresa e sugli stipendi

Djordjevic 5,5: un passo indietro rispetto alla partita con il Genoa, sbaglia dei palloni che potevano essere pericolosi e gli manca la giusta grinta. Rientra comunque da un infortunio e questo va considerato.

Mauri 5,5: non molto bene, entra in campo e non si vede. Lui è uno bravissimo nei movimenti senza palla, deve ritrovare lo smalto giusto per ritornare il giocatore importante dell’anno scorso.

Keita 7,5: il migliore, entra in campo e si procura prima il rigore
e poi la punizione vincenti. Quando sta in forma e gioca nel suo ruolo è imprendibile.

Pioli 7,5: ritrova il suo gioco e azzecca i cambi. Incita la squadra alla vittoria anche dopo lo svantaggio e l’espulsione. L’abbraccio finale è il simbolo della grande collaborazione tra lui e la squadra.