fbpx

Rolando Maran: “Contro squadre importanti come la Lazio non bisogna assolutamente sbagliare l’approccio al match”

Rolando Maran, allenatore del Chievo, sembra essere pronto al match di domani all’Olimpico. Nella conferenza stampa di questa mattina, il tecnico veronese si è mostrato soddisfatto della sua squadra e pronto a tenere alta la guardia contro una Lazio che pare aver ritrovato i giusti equilibri. Sicuramente i biancocelesti, dopo la sconfitta in Coppa italia, non hanno voglia di perdere ancora e probabilmente concentreranno positivamente le proprie qualità nelle prossime partite. Maran ha dichiarato che valuterà nelle prossime ore la formazione da schierare a Roma visti anche i numerosi giocatori gialloblu infortunati; tuttavia, il mister è soddisfatto del lavoro svolto a Verona ed è consapevole che solamente tenendo alta la concentrazione della squadra si può migliorare la qualità del gioco:

“Ho detto più volte che sono contento di questa rosa. I giocatori che in passato sono stati premiati meno dalla mie scelte stanno dimostrando di lavorare bene e di meritare questa maglia. Non ho mai avuto dubbi sulla qualità dell’organico che ho a disposizione, che ritengo abbastanza omogeneo per valori. Castro e Pepe insieme? Abbiamo lavorato molto e in particolare hanno lavorato loro, perchè per giocare con due centrocampisti cosi’ offensivi ci vuole anche un’ottima copertura degli spazi. Fino a quando verrà messo in campo lo spirito di sacrificio visto fino ad ora, nessuna scelta tattica ci è preclusa”.

L’opinione del tecnico sulla Lazio: “La Lazio viene da cinque risultati utili consecutivi e questo vuol dire che ha intrapreso la strada giusta. E’ una squadra in salute e che ha ritrovato i giusti equilibri. Domani avrà delle assenze ma, dato che solitamente non guardiamo le nostre, figuriamoci se ci interessano quelle degli altri”.

Qualche infortunio di troppo ha colpito l’organico veronese: “Abbiamo avuto una settimana particolare, con qualche defezione di troppo. Dobbiamo valutare chi sarà a disposizione. L’approccio sarà importante, ma ogni gara nasce in modo diverso. Contro squadre importanti come la Lazio non bisogna assolutamente sbagliare l’approccio al match. Sarà difficile recuperare Hetemaj e Rigoni per la trasferta di Roma e ovviamente Meggiorini, Gamberini e Izco non saranno della partita. Ci sarà da valutare appunto anche qualche giocatore un po acciaccato, come Birsa, Pepe e Dainelli. Sono comunque cose normali che possono accadere in una settimana: valuterò bene nelle prossime ore”.

Maran punta i riflettori su Alberto Paloschi che sembra aver iniziato la stagione 2015/16 nel migliore dei modi; proprio contro la Lazio, nella partita di andata, mise a segno ben 2 reti: “Credo che si stia esprimendo molto bene, ma che abbia ancora margini di miglioramento. Questo deve dargli ulteriore convinzione per cercare di dare sempre il meglio di se stesso. Sul piano dei numeri questa al momento è la sua migliore stagione della carriera e per un attaccante i numeri sono molto importanti. Paloschi sotovalutato? Alberto probabilmente ha avuto la sfortuna di arrivare a grandi livelli molto presto. E’ da tanto che si parla di Paloschi, anche se è ancora molto giovane. Ha ancora davanti tanti campionati e sta migliorando di stagione in stagione. Il fatto che sia nel grande calcio da tanto tempo fa si che venga un po sottovalutato quello che sta facendo, ma bisognerebbe porre più attenzione ad un attaccante come lui”.

Sul suo lavoro al Chievo e sulle scelte relative alla squadra visto il contratto pluriennale: “Mi fa molto piacere, dato che ormai nel calcio è difficile essere coinvolti in scelte di questo tipo. Noi allenatori ci sentiamo sempre di passaggio e dobbiamo concentrarci sul presente. Il fatto di poter vivere la mia professione in maniera più ampia è una bella soddisfazione”.

Aspettative sull’incontro di domani: “Dobbiamo essere severi con noi stessi. Se fino a questo momento ci siamo guadagnati una bella classifica, che ci stiamo godendo anche se sappiamo che dobbiamo ancora correre per raggiungere il nostro obiettivo, dobbiamo pretendere sempre qualcosa in più da noi stessi per cercare di migliorare. Il nostro obiettivo deve essere sempre quello di concentrarci su quello che noi vogliamo fare, al di là degli avversari che incontriamo. Solo cosi’ potremo compiere ulteriori salti di qualità”.