Radu: “Chiedo scusa a tutti. Questa è casa mia”

Sembrava essersi conclusa la storia d’amore tra Radu e la Lazio. Comportamenti sbagliati e la voglia di cambiare. Tutto successo dai mese di Marzo con l’infortunio del difensore rumeno che oggi in conferenza stampa spiega cos’è successo negli ultimi mesi conclusosi con un lieto fine.

Queste le parole di inizio conferenza: “Voglio ringraziare la società, il presidente, per l’opportunità che mi ha dato di far parte di nuovo della grande famiglia laziale. Dopo il momento più buio della mia carriera, da marzo in poi, non sono più stato io come uomo e come giocatore. Sono emozionato come si vede, però spero di ripagare a suon di prestazioni la fiducia che il club mi ha dato, dopo questo momento”.

Ritorna a casa, è la fine di un incubo?

“Sì, sono stato male negli ultimi giorni per uno sbaglio mio, questo lo riconosco. Adesso è una liberazione, ringrazio tutti i tifosi che mi sono stati vicino in questi momenti. Dopo l’infortunio alla caviglia a marzo non riuscivo a guarire e ho iniziato a pensare in negativo, sbagliando verso la società e i compagni. Oggi sono qua per chiedere scusa a loro e tutti colori i quali ho offeso”. 

Si sente un nuovo acquisto? Come sta fisicamente?

“Posso dire di sì. Ho tanta esperienza alle spalle, so di poter dare ancora tanto per questa squadra”.

Ha avuto tante richieste dal mercato?

“Ultimamente, dopo le notizie uscite, abbiamo ricevuto tante richiesta ma ho sempre, fin da subito, detto di no a tutte”.

Ore 16,55 – In chiusura di conferenza stampa, ecco le parole del responsabile della comunicazione della Lazio Stefano De Martino: “Le ricostruzioni uscite in queste settimane sono fantasiose. Non c’è stato alcun litigio, giusto chiarire questo punto”.