L’Inghilterra canta la Marsigliese, i Turchi rovinano il minuto di silenzio

Dalla Marsigliese Inglese ai fischi Turchi. La religione come la politica, si impossessa dello sport

Il calcio è uno sport, lo sport è divertimento ed il tifo è passione. Ma quel riquadro verde è anche un esempio per grandi e bambini che amano sognare. Non passata nemmeno una settimana dall’attentato di Parigi che l’intero globo mostra solidarietà da una parte e polemiche dall’altra.

Il match tra Olanda e Germania è stato sospeso in via precauzionale facendo uscire con le dovute precauzioni, tutte le persone presenti dato che era stato emanato un’allarme terrorismo. Paura quindi che non si concentra solo nel paese francese ma in tutta Europa vista la minaccia attiva dell’Isis.

Terrore ma allo stesso tempo solidarietà come abbiamo accennato. Nella partita avvenuta ieri tra Inghilterra- Francia, la Marsigliese è stata cantata da entrambe le due “fazioni”, uno stadio unito  dall’emozione in segno delle vittime parigine. Uno stadio super blindato dalle forze dell’ordine ma che ha visto un gesto molto solidale da parte della federazione inglese il quale ha distribuito sia su carta che sui maxi schermi presenti al campo di gioco,le parole dell’inno nazionale francese.

Ma se da una parte ci si commuove dall’altra parte si alza un polverone verso la Turchia. Nel minuto di silenzio nella gara giocata contro la Grecia, i turchi hanno fischiato per tutti i 60 secondi trasformando la solidarietà in una questione religiosa intonando il coro ” Allah è grande”.