Lazio Sparta Praga: le pagelle

Tutti al mare! Proprio così, a fine marzo la Lazio è fuori da tutto, può andare in vacanza: è fuori dalla Serie A e, da questa sera, anche dall’Europa League. Tutto questo non è nient’altro che lo specchio della stagione da barzelletta che la squadra di Pioli sta conducendo.
E chi crede che sia questione di sfortuna è un mediocre, un mediocre che merita questa situazione e questa dirigenza.
È davvero incredibile subire 4 gol dallo SPARTA PRAGA in due partite, il tutto è frutto di una difesa imbarazzante.
Da oggi si prospetta un’eterna agonia: ci sono 10 partite in campionato ancora da giocare ma, a questo punto, dopo la performance di questa sera, dubito che il vero tifoso laziale riesca ad arrabbiarsi o esaltarsi per un’eventuale sconfitta o un’eventuale vittoria.
Vediamo insieme le valutazioni dei nostri giocatori:

MARCHETTI 5: troppo statico, forse sui primi 2 gol qualcosa in più si poteva fare.

KONKO 4: era meglio fare giocare Patric, non avrebbe fatto di meno

BISEVAC 4: ci e` stato propinato come l’erede di DeVrij; invece pare più il sostituto di Novaretti. INDECENTE!

HOEDT 4: indecente anche lui

LULIC 5,5: almeno lui ci mette la tigna

BIGLIA 6: partita insufficiente pure per lui, ma a fine partita ci mette la faccia e dice:” siamo vergognosi”

PAROLO 4: l’uomo con la zavorra addosso, và due volte più lento degli avversari

MAURI 4: sbaglia tutto quello che c’era da sbagliare

CANDREVA 4: quei tacchi sono un insulto come le sue prestazioni

KEITA 4,5: anche lui perso nel mondo dei sogni

KLOSE 5: neanche Miro puo’ far niente contro questa mediocrità

MATRI 4: è subentrato ma nessuno se ne è accorto

FELIPE ANDERSON 4: da oggi sarà Casper, il fantasma!

MAURICIO 4: 4 solo perché è Mauricio

PIOLI 4: è arrivata l’ora di dimetterti!