Lazio, parla l’ex Mudingayi: “Mi sei rimasta nel cuore, devi puntare in alto”

È tornato a parlare l’ex centrocampista biancoceleste Gaby Mudingayi, che ha collezionato ottanta presenze all’inizio dell’era Lotito. Un guerriero che metteva anima e attributi con la propria maglia, che ha onorato e rispettato. È intervenuto ai microfono di Calciomercato.com parlando del momento Lazio e raccontando un aneddoto sui tifosi smentendo le voci che vedono il popolo laziale razzista: “Quando sono arrivato a Roma mi avevano messo in guardia sul fatto che i tifosi fossero razzisti. Durante il ritiro a Fiuggi ero un po’ spaesato ma proprio i tifosi mi hanno fatto sentire a casa. Mi hanno sempre sostenuto avevo anche un coro tutto per me. Prima di arrivare alla Lazio non avevo una squadra del cuore, ma Roma ed i tifosi laziali mi hanno fatto innamorare di questi colori. Ricordo che tutte le volte che sono tornato all’Olimpico da avversario mi emozionavo sempre”.

Leggi anche:   Auronzo di Cadore a porte chiuse? Notizia Falsa!

Si è soffermato poi sulla sosta giudicandola non positiva per la squadra di Pioli: “Quando una squadra è lanciata come la Lazio è sempre meglio continuare per allungare la striscia positiva. Però può darti un po’ di respiro, soprattutto a quelli che non vanno in nazionale”.

Mudingayi ha sempre dimostrato di essere un laziale vero e può permettersi di dare consigli all’ambiente biancoceleste viste le sue vaste ed importanti esperienze: “I giocatori devono puntare al massimo, devono andare in campo per vincere tutte le partite. Anche lo scorso anno la squadra non è partita alla grande, bisogna avere pazienza e dare un po’ di tempo al gruppo. Reputo Pioli un grande allenatore, ha tanti giocatori importanti e sta facendo crescere la squadra. La Lazio ora sta entrando in forma e si vedono i risultati “.

Leggi anche:   Felipe Caicedo verso l'addio, stipendio faraonico dall'oriente?

Infine una considerazione anche sull’Europa League: “Quando si gioca anche in Europa bisogna allenarsi in maniera diversa perché si gioca ogni tre giorni, e tra lavoro di scarico e rifinitura c’è poco tempo per mettere benzina nelle gambe. Il girone della Lazio non è facile, ma si sta impegnando molto”.