Lazio beffata, col Dnipro finisce 1-1

Grande rammarico in casa Lazio, per una vittoria sfumata proprio allo scadere, a causa di una ingenuità difensiva generale. La prima di Europa League a Dnipropetrovsk (si è giocato a porte chiuse per l’invasione di campo dei tifosi locali nella semifinale col Napoli della scorsa edizione di Europa League) lascia l’amaro in bocca. Eppure la Lazio ha saputo tenere le redini della partita  per buona parte della gara. Ma tutto questo è stato reso vano da un errore difensivo allo scadere dell’ultimo minuto di recupero. Recupero che era ormai scaduto da qualche secondo, ma l’arbitro Hunter ha preferito far giocare comunque. Così finisce 1-1 con tanta amarezza, visto come si era messa la gara.
PRIMO TEMPO: Nei primi minuti della gara, Dnipro e Lazio si sono studiate, senza affondare troppo sull’acceleratore. Poi la Lazio finalmente prende fiducia e coraggio e al 16’ Onazi trova un corridoio per Matri, che tutto solo davanti a Boyko, si fa parare il tiro dal portiere ucraino che devia in angolo in collaborazione con il palo. La Lazio spinge ma senza successo. Alla fine, però, la costanza biancoceleste viene premiata e intorno alla mezz’ora Milinkovic-Savic manda in rete di testa l’ assist su punizione di Kishna. 1-o Lazio e primo gol del serbo con la nuova maglia. Il Dnipro si affaccia dalle parti di Marchetti solo nel finale di tempo con Seleznyov ma senza destare pericoli. Finisce così il primo tempo con la Lazio in vantaggio.

Leggi anche:   Serie A: le fasce orarie proposte dalla Lega... una di potrebbe non essere idonea

Matheus (Dnipro), MAY 27, 2015 - Football / Soccer : Matheus of Dnipro receives medical attention after being injured during the UEFA Europa League Final match between FC Dnipro Dnipropetrovsk 2-3 Sevilla FC at Stadion Narodowy in Warsaw, Poland. (Photo by Maurizio Borsari/AFLO)

SECONDO TEMPO: L’ inizio è più o meno simile a quello della prima frazione. Ma a parte qualche tiro velleitario degli ucraini la Lazio non subisce granché. Anzi la banda biancoceleste sfiora il secondo goal prima con Matri e poi con Milinkovic-Savic. Nel frattempo Pioli cambia: fuori Kishna e Matri dentro Candreva e Keita. Più tardi invece dentro Mauri fuori Milinkovic-Savic. Non succede più nulla fino al calcio d’angolo del Dnipro al 92’, cross nell’ area laziale timido rinvio di Candreva e la palla resta lì, Anderson Pico recupera e sul limite della linea di fondo mette la palla al centro dove indisturbato Seleznyov spedisce la palla in rete. La Lazio protesta perché il recupero era finito già da qualche secondo, ma l’arbitro Hunter convalida lo stesso. Il Dnipro pareggia proprio allo scadere, finisce 1-1. Per la Lazio sfuma così il primato solitario del girone in virtù del pari per 2-2 tra il Saint Etienne e il Rosenborg.
Prossimo appuntamento il 10 ottobre alle ore 19 all’ Olimpico contro i francesi del Saint Etienne.

Leggi anche:   Serie A finalmente si parte! Premier League ed Italia dalla seconda settimana di Giugno!