Lazio – Atalanta, partita chiave per l’Europa, tra gli incroci di mercato

Domenica ore 15:00 allo Stadio Olimpico di Roma, Lazio e Atalanta si giocano un enorme fetta di stagione, i biancocelesti si avvicinerebbero alla qualificazione per la prossima edizione della Champions League, la Dea per riconfermare per il secondo anno di fila uno storico piazzamento in Europa League.

Una partita decisiva per le due le compagini, che si giocano una grandissima opportunità di raggiungere i propri obbiettivi stagionali.

La Lazio, arriva dopo la vittoria sofferta ma tuttosommato meritata per 0-1 a Torino contro i granata, risultato bugiardo viste le occasioni da gol create e non sfruttate dai biancocelesti, e che dovrà rinunciare al suo bomber Ciro Immobile, il quale ha abbandonato il campo a Torino riportando una lesione di primo grado al bicipide femorale della coscia destra, e che proverà in tutti i modi il recupero miracoloso per la sfida casalinga contro l’Inter, all’ultima giornata di campionato.

Oltre all’attaccante di Torre Annunziata, Mister Inzaghi dovrà fare a meno anche di Marco Parolo e Stefan Radu che dovrebbero farcela per la trasferta di Crotone, molto probabilmente anche di Quissanga Bastos, che ha saltato la partitella finale, dopo l’allenamento pomeridiano.

La formazione non dovrebbe subire molti stravolgimenti, con Luiz Felipe e Caceres ad affiancare De Vrij in difesa, a centrocampo Alessandro Murgia dovrebbe sostituire l’assente Parolo, dubbio su chi agirà alle spalle di Felipe Caicedo, tra Luis Alberto e Felipe Anderson, con lo spagnolo leggermente favorito, ma meno adatto ai movimenti della “Pantera”, che vedrebbero molto più funzionale il numero 10 brasiliano.

L’Atalanta, dopo la vittoria interna contro il Genoa per 3-1, vuole continuare a stupire, con il suo bel gioco, e proverà a farlo all’Olimpico, orfana del pilastro della difesa Mattia Caldara, che sarà squalificato, e non potrà disporre inoltre degli infortunati: Spinazzola, Melengoni e Rizzo.

 Gian Piero Gasperini, ha pescato però un nuovo talento in via di esplosione, si tratta del Gambiano Musa Barrow 19 anni, che sta impressionando e non poco nelle ultime uscite della Dea, con gol,assist e giocate da vero talento emergente, di cui sentiremo sicuramente parlare, nell’estate che verrà in fase di calciomercato. Sarà come detto il gambiano ad affiancare il “Papu” Gomez, relegando ancora Petagna in panchina,a comporre un attacco a due senza punti di riferimento, con grande velocità, favorendo gli inserimenti dei centrocampisti: Cristante e Freuler, sempre temibili in fase offensiva, il difesa al posto di Caldara giocherà molto probabilmente Palomino, che completerà il trittico difensivo con Masiello e Toloi, mentre Ilicic partirà dalla panchina per cercare di creare pericoli a partita in corso.

Tra i due mister, Simone Inzaghi e Gian Piero Gasperini, in tre incroci, di cui 2 vittorie per Inzaghi e un pareggio, sono arrivati ben 16 gol totali, per una media di oltre 5 gol, dato statistico che evidenzia quanto i due allenatori abbiano in comune una mentalità ed un gioco sempre propositivo e votato all’attacco.

Ma Lazio -Atalanta non si gioca solo sul rettangolo verde, perchè risulterà essere un occasione, per improntare una trattativa di mercato, che vede protagonista il centrocampista neroazzurro Bryan Cristante, che da un paio di stagioni sta sbalordendo tutti gli addetti ai lavori con un rendimento al di sopra delle aspettative e che piace molto al DS biancoceleste Igli Tare oltre che a mister Inzaghi, finito nel mirino della Lazio, che ha individuato in lui, il possibile erede di Sergej Milinkovic-Savic, il quale tra l’altro ha deciso la partita di andata finita 3-3 con una doppietta straordinaria,e che potrebbe essere a sua volta al centro di una vera e propria asta nella prossima sessione di mercato, e che il patron biancoceleste Claudio Lotito non intende cedere a meno di una proposta irrinunciabile, che potrebbe arrivare da qualsiasi club europeo che si garantirebbe uno dei centrocampisti più completi in circolazione.

Con il possibile approdo in Champions League, inoltre può essere stanziato un budget di 65 milioni di Euro, parte dei quali da reinvestire sul mercato, e così dare l’assalto al centrocampista della Dea, il cui costo di cartellino si aggira intorno ai 30 milioni, l’alternativa resta lo spagnolo Fabian Ruiz del Real Betis.