Se ti piace il nostro Format, aiutaci a rimanere online con una semplice donazione di 0,80 €

Juventus: per la quinta volta consecutiva lo scudetto è tuo!

Un inizio da incubo, sembrava essere la solita storia, dopo una stagione trionfale c’è ne sempre una da incubo. I campioni dell’anno scorso sembravano essere diventati normali calciatori ed i nuovi arrivati non avrebbero mai sostituito Pirlo, Vidal e Tevez. Dybala non era all’altezza, un giocatore troppo giovane, Mandzukic nemmeno, un buon attaccante ma non da Juve. Le prime dieci giornate sono un disastro, la Juve è dodicesima e può dire addio al quinto scudetto consecutivo. In vetta se la giocano Napoli, Inter e Fiorentina.
Era tutto uno scherzo. È bastato che Buffon alzasse la voce dopo la sconfitta di Sassuolo per rimettere tutto apposto. 24 vittorie in 25 partite, Dybala è un fenomeno che ha fatto meglio di Tevez, Kheidira è indispensabile, Mandzukic è un guerriero e Pogba è tornato a essere Pogba. La Juventus è campione d’Italia.
Vittoria fondamentale quella allo Juventus Stadium contro il Napoli con il gol di Zaza.
Citare un protagonista è difficile perché a Torino non vince il singolo ma il gruppo. Basterebbe andare a vedere il messaggio di Buffon in cui cita tutti i giocatori. Ogni elemento è fondamentale, poi ovviamente ci sono anche i fenomeni, il capitano, Pogba, Dybala e gli altri.
Ma soprattutto quando in panchina c’è un signore che si chiama Massimiliano Allegri, che si prende le responsabilità anche quando le colpe non sono sue, che difende la squadra anche quando non dà il massimo, tutto è più semplice.
Una società quasi impeccabile che non ha messo fretta ai giocatori nei momento di difficoltà ma gli ha incitati a reagire.
Un’altra stagione indimenticabile, l’unico rimpianto può essere l’uscita agli ottavi in Champions League contro il Bayer Monaco, ma comunque in grande stile.
Cinque scudetti negli ultimi cinque anni. Ogni anno ci si chiede chi potrà mai fermare questi mostri, perché in queste condizioni con questa società mi sa che per i prossimi cent’anni vincerà una squadra sola: la vecchia signoria.