Connect with us
test2

Conferenza Stampa SS.Lazio

Empoli-Lazio: la conferenza stampa di Maurizio Sarri (VIDEO)

Published

on

Alla vigilia di Empoli-Lazio, Maurizio Sarri è intervenuto nella sua prima conferenza stampa di Serie A sulla panchina della SS Lazio.

Felipe Anderson e Formazione

“Felipe Anderson sarà disponibile, aveva da sistemare faccende per il trasferimento in Italia, ma sarà disponibile domani. Lui l’ho visto giocare a destra e a sinistra e credo che potrà fare bene da entrambe le parti. Lo vedrete giocare nel corso del campionato da tutte e due le parti. La formazione la sceglierò domani, abbiamo del tempo per sciogliere i dubbi. Luis Alberto ha avuto dieci giorni di acciacchi fisici ma ora sta bene. Akpa Akpro ci consente dinamismo e ci aiuta in fase difensiva, credo sia un giocatore sottovalutato magari non raffinato ma ci servirà. Luka Romero è fantastico, mai visto un 16enne che si allena così, con tanta ferocia e voglia. Gli manca qualcosa dal punto di vista fisico, e anche se non è prontissimo lo vedremo spesso in campo.

Luis Alberto ePedro

Luis Alberto sta capendo piano piano quello che voglio io, è un giocatore di talento e qualità raffinata. Dal punto di vista comportamentale è molto introverso, più ci conosciamo e più andiamo d’accordo ma non abbiamo avuto problemi. Io non parlo di mercato, faccio un altro lavoro. Faccio l’allenatore e voglio parlare di partita. Il mercato è noioso e non voglio parlarne. Pedro fu uno dei nomi che era stato buttato giù in estate, si è aperta la possibilità e l’abbiamo sfruttata. È difficile dire se Pedro giocherà o no, anche perché in questi due giorni abbiamo fatti allenamenti più blandi per scaricare. Difficile valutare la sua condizione fisica, è brillante ma rientra nelle sue doti. Potrebbe fare uno spezzone di partita. Correa ha un ruolo da valutare, è un giocatore importante, forte e che fa comodo a tutti.

Correa ed Immobile

Lui ha espresso la sua idea in tempi non sospetti e c’è una situazione in stand-by, non è in condizione mentale per giocare le partite. In allenamento ci aiuta tantissimo. Io lo userei come esterno sinistro, ma potrebbe fare tranquillamente la punta centrale. Chiaro che come attaccante abbiamo Immobile che è il nostro punto di riferimento. Dobbiamo aspettare i prossimi giorni, è tutto in divenire. La Lazio ora è in costruzione e in evoluzione, stiamo lavorando e mi ritengo uno specialista. E di solito quelli come me vogliono vedere funzionare tutto perfettamente, ora non è così. Io credo sarà una stagione di costruzione per fare bene nei prossimi anni. Il calcio di oggi non è fatto per gli specialisti ma per i tuttologi.

Leggi anche:   Lazio-Atalanta, Gasperini in conferenza stampa: " Oggi grande spirito di squadra"

L’Empoli

Dai ragazzi ho visto ottime cose e sono contento, quando vengo ad allenare lo faccio con piacere. Ad Empoli mi aspetto una gara difficile e se ripetono la prima mezz’ora fatta contro il Vicenza ci metteranno in difficoltà. Non dobbiamo essere superficiali, anzi dobbiamo essere attenti. È una squadra giovane, brillante e che può fare bene. Mi aspetto una gara tosta e noi dovremo attenerci ai fatti. Partiamo dal sesto posto e staremo a vedere se saliremo o scenderemo”.  

Seguici su Facebook!
Continue Reading
Advertisement

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio-Atalanta | Sarri in conferenza: ” Stiamo iniziando a viaggiare a livelli ottimi…”

Published

on

Maurzio Sarri è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Atalanta:

“A Salerno abbiamo avuto una buona solidità difensiva, lo stesso si è verificato contro l’Udinese. Domani avremo un margine d’errore minimo considerando il grande potenziale offensivo dell’Atalanta.

Non so se abbiamo la possibilità di arrivare in zona Champions League, a noi interessa proseguire il nostro percorso di crescita. Nelle ultime cinque gare abbiamo ottenuto dieci punti, stiamo iniziando a viaggiare su medie di ottimo livello. È difficile prevedere l’andamento della gara, ma potrebbero esserci varie occasioni come all’andata.

Abbiamo dato la sensazione di una squadra in crescita, la ricerca della continuità sta offrendo qualche segnale. A livello di prestazione mi auguro che la squadra riesca a dare continuità alle ultime uscite, il risultato poi può essere legato anche a piccoli dettagli.

Quelle con Atalanta e Fiorentina saranno due sfide contro avversari molto forti. Saranno due partite che potranno darci grandi indicazioni. Al momento, il mio concetto di programmazione è legato solamente la sfida di domani contro i bergamaschi.

Non so cosa deciderà Luiz Felipe, so che qui c’è la ferma volontà di trattenerlo. È un ragazzo giovane che sta facendo ancora bene e che dà l’idea di poter crescere ancora. Per quanto riguarda Zaccagni, vedremo oggi se sarà in grado di allenarsi o se proveremo domani mattina a valutare le condizioni.

Milinkovic e Luis Alberto stanno crescendo e facendo bene, all’andata giocarono loro. domani sarà una sfida difficile, ma al momento posso dire che mi stanno soddisfacendo.

Questo tipo di calendario dà vita a delle storture. È un qualcosa che si sta verificando a livello sia nazionale che internazionale, ma il calcio al momento è questo.

Leiva sta bene, ha disputato una serie di buoni ingressi. In Coppa Italia ha giocato un buon primo tempo e come da accordi è uscito all’intervallo per evitare di rischiare in vista di domani.

Dobbiamo trovare la capacità di portare la gare dalla nostra parte, serve essere più decisi per portare a casa il risultato quando disputiamo delle buone partite.

Patric ha fatto bene nelle ultime partite. Ci aiuta nella fase d’impostazione grazie alle qualità tecniche. Valuteremo per domani anche considerando l’Atalanta”.

“A Salerno abbiamo avuto una buona solidità difensiva, lo stesso si è verificato contro l’Udinese. Domani avremo un margine d’errore minimo considerando il grande potenziale offensivo dell’Atalanta.

Non so se abbiamo la possibilità di arrivare in zona Champions League, a noi interessa proseguire il nostro percorso di crescita. Nelle ultime cinque gare abbiamo ottenuto dieci punti, stiamo iniziando a viaggiare su medie di ottimo livello. È difficile prevedere l’andamento della gara, ma potrebbero esserci varie occasioni come all’andata.

Abbiamo dato la sensazione di una squadra in crescita, la ricerca della continuità sta offrendo qualche segnale. A livello di prestazione mi auguro che la squadra riesca a dare continuità alle ultime uscite, il risultato poi può essere legato anche a piccoli dettagli.

Quelle con Atalanta e Fiorentina saranno due sfide contro avversari molto forti. Saranno due partite che potranno darci grandi indicazioni. Al momento, il mio concetto di programmazione è legato solamente la sfida di domani contro i bergamaschi.

Non so cosa deciderà Luiz Felipe, so che qui c’è la ferma volontà di trattenerlo. È un ragazzo giovane che sta facendo ancora bene e che dà l’idea di poter crescere ancora. Per quanto riguarda Zaccagni, vedremo oggi se sarà in grado di allenarsi o se proveremo domani mattina a valutare le condizioni.

Milinkovic e Luis Alberto stanno crescendo e facendo bene, all’andata giocarono loro. domani sarà una sfida difficile, ma al momento posso dire che mi stanno soddisfacendo.

Questo tipo di calendario dà vita a delle storture. È un qualcosa che si sta verificando a livello sia nazionale che internazionale, ma il calcio al momento è questo.

Leiva sta bene, ha disputato una serie di buoni ingressi. In Coppa Italia ha giocato un buon primo tempo e come da accordi è uscito all’intervallo per evitare di rischiare in vista di domani.

Dobbiamo trovare la capacità di portare la gare dalla nostra parte, serve essere più decisi per portare a casa il risultato quando disputiamo delle buone partite.

Patric ha fatto bene nelle ultime partite. Ci aiuta nella fase d’impostazione grazie alle qualità tecniche. Valuteremo per domani anche considerando l’Atalanta”.

Leggi anche:   Alfredo Pedullà: " Il Valencia su Patric, Tare fa muro "
Seguici su Facebook!
Continue Reading

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio-Empoli | Maurizio Sarri in conferenza stampa: ” Cali anche in allenamento”

Published

on

Maurizio Sarri è intervenuto nella conferenza stampa dopo Lazio-Empoli. Un pareggio amaro condizionato anche dal direttore di gara e dai soliti cali di concentrazione in fase difensiva. Una Lazio che tutto sommato ha mostrato di saper giocare a pallone ma con dei limiti che vanno riparati nel mercato invernale. Lo sa benissimo mister Sarri che a come ultima battuta, ha lanciato una frecciatina alla società dichiarando di non occuparsene direttamente lui ma che urgono rinforzi nei reparti.

“Ho schierato una formazione più offensiva ma ciò non ha inficiato più di tanto la prestazione difensiva. L’approccio è discutibile, eravamo sotto di due gol dopo soli 8 minuti, nel secondo tempo abbiamo preso gol nell’unica volta in cui abbiamo concesso qualcosa. Non ho visto la parte finale dell’azione del momentaneo 2-3 ma visto come era iniziata: l’avversario è riuscito a venir via tra due dall’altezza della bandierina del calcio d’angolo. Dal 20’ la squadra non ha mai dato la sensazione di poter subire go con facilità. Purtroppo abbiamo momenti così: negli 1vs1 difensivi in ogni zona di campo, siamo ultimi in Serie A.

Il secondo tempo è stato straordinario, abbiamo costruito con pulizia e velocità: a me partite così piacciono, mi fa star male non essere riusciti a concretizzare con un risultato pieno.

Il calendario consente raramente di avere una settimana tipo in cui lavorare, a volte prendiamo gol ingenuamente, come accaduto in occasione del primo gol: tutti i tre centrocampisti erano nella stessa porzione di campo.

Chi prende le decisioni deve essere chiaro con tutti, non solo nel calcio. Se chi governa è sicuro che la malattia sia pericolosa, si sta a casa; altrimenti verrà classificata come una semplice influenza e staremo a casa il tempo necessario. Così siamo in mano alle decisioni di 20 regioni, che assumono decisioni autonomamente. O si arriva ad un accordo o andare avanti così è dura, si crea solo caos come in occasione della giornata in corso.

Non credo che la gara di Luiz Felipe sia stata condizionata da motivi legati al rinnovo di contratto, altrimenti ci sarebbe un problema in ogni gara: era stato ammonito nella prima parte di gara, sicuramente poteva essere gestita meglio l’azione difensiva del terzo gol azzurro, c’era anche il raddoppio del compagno, che peraltro non voglio.

I cali di tensione si verificano anche durante l’allenamento: anche nelle partitelle, quando viene subito un gol, la stessa squadra ne subisce subito un altro. È difficile arrivare ad una conclusione logica.

Penso solo alle partite, del mercato non me ne occupo se non per far sapere le mie idee circa ciò di cui necessitiamo”.

Leggi anche:   Lazio Atalanta 0-0! cronaca e tabellino del match
Seguici su Facebook!
Continue Reading

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio-Genoa: Sarri sprona i suoi in conferenza stampa

Published

on

Alla vigilia di Lazio-Genoa, Maurizio Sarri è intervenuto nella consueta conferenza stampa.

“Questa è una squadra che ha un buon livello di applicazione. Il nostro percorso è chiaro: l’Europa League ci sta tritando, abbiamo undici partite con 21 punti e dopo l’Europa perdiamo sempre punti. La mia squadra ora non riesce a gestire partite così ravvicinate, questo è il nostro limite e dimostra la differenza tra una squadra forte e una normale. Noi non riusciamo neanche a conquistare uno 0-0 sporco e non meritato. In allenamento i ragazzi recepiscono tutti i miei dettami al meglio, ma poi in partita non reggiamo. L’obiettivo è quello di costruire una squadra giovane, che sia destinata a crescere nel tempo facendo un percorso. Poi vedremo a cosa ci porterà questo percorso. Secondo noi è la strada più percorribile in questo momento. Domani mi aspetto una squadra che produca gioco perché abbiamo perso gare senza giocare poi vedremo come andrà. Dobbiamo toglierci i difetti che abbiamo dimostrato fino ad ora e automaticamente cambierà anche la classifica. Voglio due gare giocate con determinazione. Abbiamo parlato di un nostro problema fondamentale, ma che è inconscio, nessuno di noi vuole arrivare alla partita scarico è un problema che è più difficile da risolvere. Dobbiamo imparare a tirar fuori il punto anche in gare difficili. Spero domani di poter avere Pedro, Zaccagni ed anche Luis Alberto. Sono tutti e tre in fase di risoluzione, nessuno aveva lesioni muscolari. Lo stadio vuoto è una conseguenza dell’andamento della squadra, se andiamo bene torneranno tutti allo stadio. Questa squadra ha fatto la Champions una volta sola negli ultimi anni, in una stagione in cui non c’erano né Inter né Milan. In sette anni solo una volta ha raggiunto il proprio obiettivo. Adesso se rapporti a quanto successo gli ultimi due anni la situazione è cambiata. I calciatori in testa devono avere la voglia di togliersi i difetti che hanno mostrato fino ad ora. Sul Porto non saprei che dirti, nella mia testa è su Genoa e Venezia. Nel sorteggio abbiamo preso una squadra forte ed era impensabile incontrare una squadra debole. I difensori forse oggi possono avere delle difficoltà maggiori rispetto agli altri. In questo momento abbiamo tre giocatori che stanno facendo meglio di tutti e sono Pedro, Zaccagni e Basic che non erano qui lo scorso anno. Ciò dimostra che i nuovi arrivati stanno impiegando meno tempo a recepire alcuni dettami. Domani il gioco sarà figlio della determinazione e della voglia, partiamo da questa base con determinazione e attivazione. Se il livello di attivazione è basso nessuna squadra può funzionare. L’esperienza di Napoli è stata tipo questa, forse più veloce ma il fulcro era l’allenatore così come succede qua. Per questo io dico sempre che voglio rimanere”. 

Leggi anche:   Basta l'Atalanta C per pareggiare all'Olimpico: le pagelle di Lazio Atalanta
Seguici su Facebook!
Continue Reading

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design