Davran: “Lazio al di sotto delle grandi, ma rispettata”

Per analizzare la partita di domani tra Lazio e Galatasaray, LaLazioSiamoNoi si è affidata al giornalista turco di Fanatik, Cagri Davran, e le sue parole sono state molto interessanti: dopotutto, la squadra di Istanbul è in una fase calante, quinta in SuperLig (la loro Serie A) e dopo diversi anni di Champions è al ritorno in questa competizione europea; se si conta la rinuncia sofferta di Burak Yilmaz, ex obiettivo della Lazio per un discreto periodo, per via del Fair Play finanziario, la sfida del Turk Telekom Arena sarà molto interessante.

Qual è la condizione psicologica del Galatasaray alla vigilia della partita con la Lazio?Il Galatasaray è stato pessimo in questa stagione. Hanno cambiato allenatore, Mustafa Denizli ha rilevato Hamza Hamzaoglu. Lo Scudetto oramai è impossibile, sono concentrati più sulla coppa nazionale e sull’Europa League. Sono consapevoli di quanto sia importante la partita contro la Lazio. Cercheranno di vincere e di raggiungere la miglior posizione possibile in Europa”.

Il Galatasaray occupa il quinto posto in campionato ed è stato costretto a vendere alcuni giocatori fondamentali in questi anni. Quali sono le ragioni di questa situazione?La squadra non è la stessa dello scorso anno, ci sono tanti problemi. Hanno perso Felipe Melo e Telles oltre a Burak Yilmaz. Melo era così importante, combatteva così tanto in partita che incoraggiava i compagni stessi a correre di più. Diversi giocatori non sono in buona forma. Avrebbero voluto comprare nuovi calciatori a gennaio, ma non hanno potuto poiché le disposizioni della Uefa sul fair play finanziario hanno limitato ogni intervento. È arrivato il solo Linnes…”.

Quali saranno le scelte di mister Denizli per il match con la Lazio?Sinan Gumus è infortunato, Linnes non potrà giocare per le regole Uefa, è già sceso in campo con il Molde in Europa League. Denizli utilizzerà un 4-2-3-1. Muslera in porta; Sabri, Chedjou, Denayer e Balta in difesa; Donk e Selçuk a protezione della trequarti; Olcan, Snejder e Yasin agiranno alle spalle di Podolski”.

Quali sono i punti di forza e le debolezze di questa squadra?Muslera, Selçuk, Sneijder e Podolski sono i giocatori più rappresentativi. Sneijder è molto importante, il Galatasaray ha bisogno della sue magie, proverà a vincere contro una squadra italiana. La difesa non è buona, manca un buon equilibrio tra la retroguardia e il centrocampo, ci sono spesso errori in quella zona del campo”.

Che atmosfera troverà la Lazio alla Turk Telecom Arena? “La squadra non attraversa un buon momento, mi aspetto non più di 20.000-25.000 spettatori anche perché la gara si giocherà alle 22.05 (ore locali, ndr). È molto tardi e penso che molta gente preferisca vederla in tv. Chi verrà allo stadio supporterà la squadra, ma non ci sarà una grande atmosfera”.

Qual è la reputazione della Lazio in Turchia? La gente pensa che non sia a livello di Juventus, Napoli e Roma. La Lazio è rispettata ma non ha molte informazioni su giocatori e allenatore”

Leggi anche:   Stefano De Martino a radio Kiss Kiss: " Scudetto? Non ci nascondiamo dietro un dito"